Un weekend d’Autunno, un borgo (anzi due!), un cammino. Dal rosa di Spello, nel verde dell’Umbria, fino al mistico Eremo delle Carceri.

    Il 10 e 11 Ottobre 2020, con Happening Cult: Spello-Collepino-Subasio-Spello

    CULTURA, STORIA, NATURA.

    Programma

    Sabato 10 Ottobre 2020

    ORE 16,00 – RIUNIONE DEI SOCI PARTECIPANTI A SPELLO

    Bar Giardino Bonci (Centro storico)

    ORE 16,30 – VISITA GUIDATA DI SPELLO, la pietra rosa dell’Umbria

    Una Guida con esperienza ventennale nel racconto di questi luoghi accompagnerà i visitatori.  Tra le altre cose, nella visita della meravigliosa Cappella del Pinturicchio nella Chiesa di Santa Maria Maggiore. 

    ORE 20,30 CENA TIPICA UMBRA PRESSO IL RISTORANTE “IL PINTURICCHIO”. Menù fisso

    PERNOTTAMENTO IN ALBERGO DIFFUSO NEL CENTRO STORICO DI SPELLO

    In appartamenti, tutti situati in centro. Camere matrimoniali con bagno, possibilità di letto aggiunto, possibilità di due camere nello stesso appartamento.

    Domenica 11 ottobre 2020

    ORE 08,00 – PRIMA COLAZIONE presso il Bar Giardino Bonci (cappuccino, caffè, cornetto, brioche, succo di frutta)

    ORE 08,30 – TRANSFER NCC PER COLLEPINO e visita della piccola, bella, fortezza medievale.

    Di qui, Transfer NCC per il punto più alto del Subasio dal quale inizia un soft trekking per attraversare il monte,

    ORE 10,00-15,00 – VALICO DEL MONTE SUBASIO CON GUIDA CAI (percorso di max. 10 km per giungere all’Eremo delle Carceri) E PRANZO AL SACCO

    ORE 15,00-16,30 – VISITA DELL’EREMO DELLE CARCERI

    A seguire TRANSFER NCC PER IL RIENTRO A SPELLO

    La tabella oraria come indicata è volutamente “comoda”. Molto probabilmente si arriverà all’Eremo delle Carceri in anticipo rispetto all’orario qui indicato.

    Quota di partecipazione

    L’itinerario proposto è riservato ai soci vecchi e nuovi della Happening Cult.

    Quota di partecipazione: Euro 200,00 

    Tessera associativa HC (necessaria, per nuovi soci o rinnovi): Euro 12,00 (validità 12 mesi)

    La quota comprende:

    • Visita guidata di Spello
    • Auricolari
    • Biglietto di ingresso alla Cappella del Pinturicchio
    • Cena tipica presso il Ristorante “Il Pinturicchio”
    • Pernottamento in albergo diffuso nel centro storico di Spello
    • Prima colazione
    • Ncc per intera giornata di domenica (transfer Spello – Collepino / Collepino – vetta Subasio / Eremo delle Carceri – Spello)
    • Guida CAI per la traversata del Subasio
    • Pranzo al sacco

    Il rosa di Spello. Poggiato su uno sperone del Monte Subasio, Spello è edificato con il calcare rosato del monte, bellissimo alla vista all’ora del tramonto. Borgo umbro, ma anche Hispellum, Splendissima Colonia Julia, rivela vestigia d’epoca romana, nella cinta muraria, nei resti del teatro, dell’anfiteatro, delle terme nelle sue Porte d’accesso. Ospitò Il Pinturicchio e ne restano i capolavori, dalla Cappella Baglioni alla pala d’altare con la Madonna col bambino in trono nella Chiesa di Sant’Andrea.Il suo Belvedere si affaccia sul verde della valle umbra, scenario del cammino previsto per la Domenica. Collepino è a soli quattro chilometri dalla città alle porte del Parco del Subasio. Anticamente detta Colle-Lupino o Collepieno, è un piccolo castello dell’alto medioevo appollaiato sulle pendici orientali del Monte Subasio a 600 mt. Dal suo promontorio, un panorama ampissimo e bellissimo del quale lo stesso S. Francesco ebbe a dire: “Nihil iucundus vidi valle mea spoletana”. Collepino è ricco di storia e fu teatro di congiure, lotte, battaglie e guerre di cui è impossibile dar conto in poche righe. Colpito dal terremoto  del 1997, la ristrutturazione ha saputo conservare le tracce della sua storia medievale, le case in pietra rosa del Subasio e le stradine lastricate.Da Collepino si raggiunge, attraversando il Subiaso, l’Eremo delle Carceri a piedi, in un cammino nella natura che regala anche la suggestione mistica del suo arrivo. Meta spirituale tra le più preziose del Parco, l’Eremo nasce come cappella circondata da grotte, elette a sedi di meditazione per gli eremiti e acquisisce poi, con San Francesco, l’appellativo “Carceri”, sinonimo di ritiro in solitudine. L’ampliamento della struttura primitiva, avvenuto nel 1400, è dovuto a San Bernardino da Siena, che fece costruire un piccolo convento e la chiesina di Santa Maria delle Carceri. L’Eremo è avvolto da una rigogliosa lecceta ed è proprio tra questi il leggendario e antichissimo leccio, il cosiddetto “Albero degli uccelli”, sul quale i volatili si sarebbero spesso posati, a cantare per il Santo e a riceverne la benedizione.

    Numero massimo di partecipanti: 30

    Per partecipare scrivere a v.saraceni@happening-cult.com o

    tel 3395785378

    Photos
    Event Details