Percorso I. La Rotta di Enea a Roma

    Con la guida e il racconto inframezzato dalla lettura di passi dell’Eneide, dell’Archeologo Raffaele Palma

    Da una partnership tra l’Associazione Rotta di Enea (www.aeneasroute.org) e l’Associazione Culturale Happening Cult (www.happening-cult.com) prende vita un’inedita Manifestazione volta a far conoscere, e ad attraversare, gli itinerari storico-culturali-letterari che testimoniano il passaggio del mito di Enea a Roma: “La Cultura in cammino: la Rotta di Enea a Roma”.

    Domenica 11 Aprile il primo dei tre percorsi. Appuntamento qualche minuto prima delle ore 11 all’Isola Tiberina, nella piazzetta di fronte a San Bartolomeo.

    Non una semplice visita guidata: tre date (DOMENICA 11 APRILE, VENERDI 23 APRILE E DOMENICA 9 MAGGIO 2021) per tre diversi percorsi nel cuore di Roma antica, messi a punto con la consulenza scientifica dell’Archeologa Nicoletta Cassieri, guidati dall’Archeologo Raffaele Palma, preceduti dall’invio di materiale iconografico e scritto, con l’obiettivo di far scoprire i luoghi dove il connubio tra storia e mito, patrimonio letterario e testimonianze archeologiche, hanno affascinato generazioni su generazioni. Nel poema epico di Virgilio vengono descritti scenari e personaggi eroici, capostipiti di genti e protagonisti della fondazione dell’Urbe: dalle tormentate peregrinazioni di Enea alle imprese di Romolo, il primo re, si dipana un filo ininterrotto che arriva fino al “rivoluzionario” programma ideologico del primo imperatore, Cesare Augusto. I percorsi uniranno la narrazione suggestiva delle diverse tradizioni mitologiche alla lettura di passi selezionati delle fonti antiche, con la descrizione delle “magnifiche rovine” di una potente città che fu l’epicentro di un immenso Impero.

    L’esperienza offerta ai partecipanti sarà completa e accurata, un “esperienza”, appunto.

    Percorso I – Domenica 11 APRILE 2021 ore 11,00 – Punto d’incontro: Isola Tiberina

    Il Percorso I prende avvio dal Tevere, protagonista del mito e della storia di Roma anche prima della sua fondazione. Tale linea di confine naturale tra il territorio degli Etruschi, sulla sponda destra, e quello dei Latini e Sabini che abitavano i colli lungo la sponda sinistra, costituisce, fin dall’età arcaica luogo di scambi non solo commerciali tra genti e culture diverse, trovando nell’isola Tiberina il guado più agevole. L’origine leggendaria e la destinazione sacrale che la caratterizzerà nel corso dei secoli, fanno di quest’ isola il punto ideale per l’inizio di una suggestiva passeggiata. Attraverso il ponte Fabricio – noto anche come il ponte dei Quattro Capi per la presenza di erme quadrifronti, ancora visibili nella balaustra – si giunge all’odierna piazza Bocca della Verità. Dove ora sorge la chiesa di Santa Maria in Cosmedin, un tempo l’Ara Massima di Ercole rievocava la leggenda dell’eroe greco contro il gigante Caco, e del re Evandro. In questa zona strategica a ridosso del porto fluviale si situava il “polo commerciale” della futura città: il Foro Boario e il Foro Olitorio, aree di mercato destinate alla vendita del bestiame e delle erbe. Quest’ultimo, coincidente in gran parte con l’area sacra di Sant’ Omobono connotata da una complessa sequenza di fasi di distruzione e di ricostruzione degli edifici di culto dall’età arcaica alla media età imperiale, ospitava i templi della Fortuna e della Mater Matuta. Il percorso procede verso il Campidoglio, luogo di venerazione divina già prima di Roma e sede del più grande tempio dell’epoca regia dedicato a Giove Ottimo Massimo (Capitolium). Si risale dalla Rupe Tarpea ripercorrendo le vicende che videro gli uomini di Romolo affrontare le schiere sabine di Tito Tazio a seguito del celebre Ratto, e si giunge alla piazza del Campidoglio, dove fu l’Asylum Romuli, per guadagnare infine la magnifica vista del Foro Romano dalla terrazza posta tra il carcere Mamertino e la chiesa di Santa Martina.

    Lunghezza dell’itinerario: 2.061 m; Tipologia: Urbano; Difficoltà: Bassa. I luoghi toccati dal percorso: Isola Tiberina; Forum Boarium. Resti dell’Ara Massima nella cripta della Chiesa di S.Maria in Cosmedin, visitabile. Valle del Circo Massimo. Foro Boario: i templi di Portuno e di Ercole Vincitore. Forum Holitorium – Sant’ Omobono – Ara Carmentale. San Nicola in Carcere: resti di edifici di culto. Rupe Tarpea. Campidoglio: Arx e Asylum.Tabularium – Tempio di Giove Capitolino. Vista del Foro romano e breve illustrazione dei monumenti rievocativi delle origini.

    PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
    E-mail: v.saraceni@happening-cult.com Per informazioni: Diana Daneluz T. 3395785378

    Quota di partecipazione per il percorso guidato dell’11 aprile: euro 21,50 (comprensivo dei materiali preparatori messi a punto con la consulenza scientifica della Dott.ssa Nicoletta Cassieri e del noleggio delle radioline) NB Il costo per la partecipazione a tutti e tre i percorsi guidati sarà invece di euro 50,00 (+ il noleggio delle radioline) Per chi non fosse ancora socio della Happening Cult o debba rinnovare l’iscrizione: Tessera associativa valida 12 mesi, euro 12.

    Modalità di pagamento esclusiva:
    bonifico bancario intestato ad Happening Cult IBAN:IT46K0306909606100000162514 (Se possibile inviare copia del bonifico a: v.saraceni@happening-cult.com)

    N.B. Per i nuovi Soci è necessario per favore compilare, nei giorni precedenti la visita guidata, il MODULO di richiesta di iscrizione alla Associazione Happening Cult, scaricabile a questo link: https://www.happening-cult.com/come-associarsi/, da inviarsi per favore, firmato, per e-mail a v.saraceni@happening-cult.com (o consegnare il giorno dell’incontro).

    L’Archeologo Raffaele Palma

    Laureato in Archeologia Classica presso l’Università di Roma, la Sapienza, ha condotto e coordinato numerose campagne di scavo archeologico sia in territorio italiano sia all’estero. Come Guida Turistica, ha iniziato una stretta collaborazione con i principali Tour Operator italiani e stranieri, svolgendo l’attività soprattutto nelle regioni del Lazio e della Campania. Da due anni come story-teller, collabora attivamente con TeatroReale, associazione che mette in scena visite guidate, usando i luoghi della cultura come scenografie teatrali. Attivo in una costante ricerca di nuove forme di comunicazione è attualmente coinvolto in vari progetti editoriali, didattici e teatrali.

    La consulente scientifica dell’Associazione Rotta di Enea, Nicoletta Cassieri

    Laureata con lode in Lettere  con indirizzo archeologico presso l’Università- Sapienza di Roma , dopo aver frequentato la Scuola Nazionale di Archeologia  è entrata   nel Ministero per i Beni e le Attività Culturali  come archeologo.Come funzionario apicale  ha prestato  servizio  presso l’attuale Soprintendenza ABAP del Lazio  svolgendo molteplici incarichi  relativi ai compiti istituzionali di tutela  e valorizzazione del patrimonio storico-archeologico, collaborando anche con la Direzione Generale del Ministero per specifici temi di tutela Si è occupata a lungo di  un’ampia zona della provincia di Latina comprendente  importanti centri antichi da Cori a Sezze, da Privernum a Terracina, Fondi e Formia. Dal 1993 è stata Direttore per due decenni  del  Museo Archeologico Nazionale di Formia e del  Museo Archeologico Nazionale di Sperlonga con l’annessa area  della Grotta di Tiberio  : di entrambi gli Istituti ha curato il radicale riallestimento con l’aggiunta di nuove sale e un  notevole incremento delle collezioni, ideando e realizzando  numerose mostre ed eventi culturali,  promuovendone l’immagine e la fruizione. Ha progettato e diretto molteplici  importanti   di  cantieri di scavo e  restauro  di  edifici e siti archeologici quali la villa di Tiberio a Sperlonga, il teatro romano di Terracina e la mansio di  Tres Tabernae lungo la via Appia  a Cisterna di Latina, entrambi di nuova scoperta, la necropoli protostorica di Caracupa a Sermoneta, la grandiosa villa romana di Gianola a Formia, città dove  ha svolto inoltre la direzione archeologica di cospicui progetti PLUS  inerenti allo scavo, al recupero e alla valorizzazione  dei “ Criptoportici romani sottostanti a Piazza della Vittoria” e  del “Complesso archeologico del Caposele “ .Ha pubblicato decine di articoli scientifici e saggi ,  oltre alle  guide archeologiche dei Musei di Formia e  di Sperlonga con il Poligrafico dello Stato. Molti anche gli articoli pubblicati su riviste specializzate e non (Forma Urbis, Archeo, Archeologia Viva,Ulisse 2000).Ha tuttora in corso attività di studio e  pubblicazioni, e partecipazioni  a incontri e convegni.

    La vostra sicurezza, prima di tutto. Per partecipare alle iniziative di Happening Cult, durante il periodo di emergenza legata al Covid-19, per la vostra sicurezza e per non ricorrere in eventuali sanzioni, è obbligatorio: non presentare sintomi influenzali quali tosse, raffreddore e temperatura corporea superiore ai 37,5 gradi; non essere sottoposti a misure di quarantena; indossare sempre una mascherina; rispettare, per tutta la durata del percorso guidato, la distanza di almeno 1 metro dagli altri partecipanti. Grazie.

    Event Details